Agorà dell’abitare, un esempio di coprogettazione

Agorà dell’abitare, un esempio di coprogettazione

Nel nome si può leggere l’obiettivo di questa iniziativa promossa da Leroy Merlin: stimolare la comunità per cercare di risolvere i problemi dell’abitare attivando la collaborazione tra i diversi soggetti del territorio. L’Agorà dell’Abitare rappresenta infatti un caso innovativo di partnership tra imprese profit, enti locali e organizzazioni non profit, una modalità “diversa” per generare azioni positive, riattivare legami comunitari, valorizzare le capacità delle persone.

Tutti coloro che partecipano all’Agorà dell’Abitare possono arricchire il progetto: le aziende mettendo a disposizione risorse (merce, competenze, strumenti, volontariato d’impresa); i cittadini offrendo competenze e tempo; le istituzioni creando reti e facilitando gli scambi tra soggetti diversi; le associazioni non profit fornendo la propria esperienza e la conoscenza del territorio.

Per rafforzare ulteriormente l’impegno a condividere idee e attività concrete, i soggetti coinvolti sottoscrivono un patto di collaborazione.

Le prime sperimentazioni sono partite a Piacenza, Palermo, Roma, Torino e presto il modello verrà replicato in altre realtà dove sono presenti negozi Leroy Merlin.

L’Agorà dell’Abitare modifica il modo stesso di collaborare passando dalla charity alla progettazione condivisa dove i soggetti vengono coinvolti per definire le azioni vantaggiose per tutti. Un movimento “generatore del fare” che va ben oltre il semplice assistenzialismo, la sponsorizzazione o la donazione che non pongono i soggetti su un livello di pari dignità.

Perché ognuno può contribuire alla soluzione di alcuni problemi della comunità grazie alle proprie capacità. Basta volerlo!

Articoli correlati

Le città che cambiano

Continua a leggere

Non chiamiamole periferie…

Continua a leggere