Un nuovo tipo di kilometro zero

Un nuovo tipo di kilometro zero

Immaginiamo di essere in un ristorante e che ci venga proposto un menù a kilometro zero. Oltre al vantaggio di mangiare alimenti che hanno avuto un trasporto e uno stoccaggio presumibilmente più brevi, siamo anche convinti che ciò che ci sta sotto gli occhi sia più “controllabile”.

Una relazione misurabile.
Un principio in qualche modo simile vale anche per le imprese: ogni organizzazione ha un territorio di riferimento, una comunità sulla quale ha influenza e da cui è, a sua volta, influenzata. Una relazione che può essere anche misurabile.

Uno strumento capace di raccontare.
Nella terminologia anglosassone si parla di accountability. Attraverso opportuni strumenti di rendicontazione, come il Report Integrato, le aziende possono non solo esporre le loro strategie ma anche misurare gli impatti delle attività realizzate e risponderne in prima persona agli occhi della comunità.

Il territorio è misura di tutte le cose.
Molte organizzazioni stanno iniziando a misurare l’impatto nei confronti del territorio: economico (per esempio, il valore generato in termini di occupazione e di indotto), ambientale (gli impatti generati) e sociale (le azioni a favore del benessere dei cittadini). Una procedura virtuosa: “agire e misurare per agire di nuovo” in un crescendo di output qualitativi.

Articoli correlati

Le città che cambiano

Continua a leggere

Non chiamiamole periferie…

Continua a leggere