L’imprenditore: Adriano Olivetti, il suo approccio umanistico per un’impresa responsabile

L’imprenditore: Adriano Olivetti, il suo approccio umanistico per un’impresa responsabile

Anni ’50, Nord Italia, area del Canavese. Qui successero cose straordinarie per opera di una persona altrettanto straordinaria: Adriano Olivetti (1901 – 1960). Industriale, uomo di cultura, politico, intellettuale, editore e urbanista, l’impresa che porta il suo nome è stata per molti anni una delle principali realtà industriali del mondo nel settore delle macchine per scrivere e da calcolo, poi una delle aziende pioniere dell’informatica, nota per la capacità di innovazione, il design e per aver applicato i principi di quella che oggi definiamo responsabilità sociale d’impresa.

Ingegnere di formazione, continuatore dell’attività avviata dal padre, il nome di Adriano Olivetti è indissolubilmente legato a una visione umanistica dell’industria cui dedicò tutta la sua vita. Passato alla storia come un utopista, in realtà fu un grande pragmatico: quello che diceva, coerentemente applicava. Credeva nel valore condiviso e nella bellezza e si adoperò sempre per creare valore per dipendenti, clienti e territorio. Famose le sue iniziative urbanistiche dentro e fuori la fabbrica con la realizzazione di nuovi edifici industriali, uffici, case, mense e asili per i dipendenti.

Un riconoscimento alla concezione umanistica del lavoro che Adriano Olivetti sviluppò attraverso il Movimento Comunità (in cui il benessere economico, sociale e culturale dei collaboratori è considerato parte integrante dell’attività imprenditoriale) è giunto anche di recente, nel 2018, con la nomina di Ivrea, sede dell’Olivetti, a sito dell’Unesco (“Ivrea, città industriale del XX secolo”).

Questa una delle sue frasi più celebri: “La fabbrica non può guardare solo all’indice dei profitti. Deve distribuire ricchezza, cultura, servizi, democrazia. Io penso la fabbrica per l’uomo, non l’uomo per la fabbrica”.

Articoli correlati

Le città che cambiano

Continua a leggere

Non chiamiamole periferie…

Continua a leggere