Condivisione e dialogo, le basi per un “successo sostenibile”

Condivisione e dialogo, le basi per un “successo sostenibile”

In pochi anni il mercato è molto cambiato: si è compreso che gli stakeholder (tutti i soggetti con cui l’impresa è in relazione) sono strategici per l’organizzazione e per la sua durata nel tempo.

In Italia, ad esempio, nel 2020 una tappa importante di questo percorso è stata l’introduzione della nuova versione del Codice di corporate governance che parla, per la prima volta, di “successo sostenibile”, espressione con la quale si indica la capacità di creare valore nel lungo termine a beneficio degli azionisti tenendo conto degli interessi degli stakeholder rilevanti.

Il “successo sostenibile” è quindi collegato alla capacità dell’impresa di gestire il dialogo con gli stakeholder per conoscerne interessi e attese. Un percorso di condivisione che evidentemente deve basarsi su una comunicazione chiara, trasparente, rilevante e coerente. Utile anche per combattere le attività di greenwashing che minano il rapporto di fiducia tra l’organizzazione e i suoi stakeholder. Un fatto oggi ancor più rilevante, perché molte persone – e più di tutte le generazioni più giovani – si aspettano dai brand informazioni affidabili.

Articoli correlati

Sostenibilità e coesione sociale

Continua a leggere

Da consumatore a consum-autore

Continua a leggere

Una catena virtuosa

Continua a leggere