SOFT&GREEN Approfondimenti

Sostenibilità: conoscere il passato per immaginare il futuro



La sostenibilità ha acquisito grande centralità sui media di tutto il mondo. Anche grazie al contributo offerto dalla determinazione e dalla grinta della giovane attivista svedese Greta Thunberg, in molti Paesi l'opinione pubblica si è avvicinata maggiormente a questo tema che, introdotto "ufficialmente" per la prima volta alla conferenza ONU sull'ambiente nel 1972, e definito meglio nel suo obiettivo soltanto nel 1987, nel cosiddetto "Rapporto Brundtland", ha già una storia significativa alle sue spalle.






In questo numero Soft&Green prova a ripercorrerla ricordando alcune delle figure, organizzazioni o eventi che hanno precorso – contribuendo in qualche modo a formarlo – il concetto stesso di sostenibilità. Una sorta di galleria dei pionieri, di genealogia dei visionari.






Un modo per onorare chi ha fatto sostenibilità prima della sostenibilità e per aiutarci anche a capire che l'idea che sta dietro tutto questo viene da lontano e… vuole andare lontano: verso il futuro. Un futuro migliore, per tutti.









ARTICOLI

Sostenibilità: alcune tappe importanti
Sono tante le tappe che hanno segnato il percorso verso la sostenibilità. Per aiutare i lettori a orientarsi in una cronologia così articolata, Soft&Green ha scelto di proporre alcune date per ogni decennio dagli anni '60 agli anni '90, senza alcuna pretesa di esaustività, ma con l'intento di evidenziare alcuni ...

continua a leggere
Leggi

Donne protagoniste della sostenibilità
Quanti sanno che Gro Harlem Brundtland, da cui ha preso il nome il rapporto "Il futuro di tutti noi" ("Our common Future"), è una donna? Laureatasi in medicina a Oslo, fu la prima donna in Norvegia a ricoprire la carica di capo del governo. Brundtland ha coniugato l'impegno per la difesa dei diritti delle donne a quel...

continua a leggere
Leggi

L’imprenditore: Adriano Olivetti, il suo approccio umanistico per un’impresa responsabile
Anni '50, Nord Italia, area del Canavese. Qui successero cose straordinarie per opera di una persona altrettanto straordinaria: Adriano Olivetti (1901 – 1960). Industriale, uomo di cultura, politico, intellettuale, editore e urbanista, l'impresa che porta il suo nome è stata per molti anni una delle principali realt...

continua a leggere
Leggi

Il politico: Bob Kennedy, il PIL non basta a misurare la qualità della vita
Era il 1968 e quello di Bob Kennedy (1925 – 1968) è probabilmente uno dei discorsi politici più citati di sempre. Ma parlando di precursori e tentando di identificare alcuni dei passaggi attraverso i quali dall'ambito scientifico (in particolare quello dell'ecologia) il proto-concetto di sostenibilità si è amplia...

continua a leggere
Leggi

Lo scienziato: Barry Commoner, coniugare ecologismo e dimensione sociale e politica
Con il suo libro, "Il cerchio da chiudere" (1971), è stato forse il primo a immaginare un modello di economia circolare ed è stato sicuramente fra i primi a coniugare scienza e attivismo politico, legando i temi dell'ecologismo a quelli della partecipazione pubblica e della giustizia sociale: crisi ambientale e decis...

continua a leggere
Leggi

Sviluppo sostenibile: 3 domande a Enrico Giovannini
Ottobre 2019 - Soft&Green ha chiesto a Enrico Giovannini, portavoce di ASviS, Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile, di rispondere a tre domande sul futuro della sostenibilità.Come si posiziona l'Italia rispetto agli altri Paesi per l'Agenda 2030? A livello globale, nonostante gli sforzi finora compiuti da mol...

continua a leggere
Leggi