SOFT&GREEN Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU

Sostenibilità e coesione sociale



Quando parliamo di sostenibilità e delle tre “gambe” che la sostanziano (economica, sociale e ambientale) tendiamo a privilegiare quella ambientale. Numerosi i motivi, non ultimo la centralità che la crisi climatica ha assunto nelle nostre vite e nell’agenda di molti Paesi.





Con i suoi pesanti impatti economici e sociali la pandemia da Covid-19 ha, però, bruscamente riportato l’attenzione sulle altre due dimensioni, evidenziando anche la crescente inadeguatezza di un’idea di sviluppo ormai datata: quella che implica prima la generazione della ricchezza per le imprese e poi la sua ridistribuzione ai soggetti non profit e alle istituzioni pubbliche. È probabile che la “ripartenza” possa favorire l’affermarsi di un’idea di società nella quale la creazione e la ridistribuzione del valore siano un processo unico, pluridimensionale, continuativo, condiviso e circolare, che coinvolge contemporaneamente tutti gli attori in scena lungo tutta la catena di creazione di valore. Un vero cambio di paradigma.






Ci riferiamo a questo anche quando parliamo, ad esempio, di “economia della coesione”. Sistemi di welfare innovativi, miglioramento della relazione tra pubblico e privato, iniziative di condivisione e rigenerazione urbana: fattori determinanti oggi per rafforzare lo sviluppo e la coesione sociale. A volte sono le persone organizzate in gruppi informali a trovare risposte ai problemi sociali; altre volte sono le istituzioni che lanciano progetti per favorire la partecipazione dei cittadini; altre volte ancora sono le reti tra soggetti diversi (imprese, enti locali, terzo settore) che creano partenariati per gestire progetti a favore delle comunità.






Una cosa però è certa: quando tutti gli attori collaborano migliora sensibilmente il livello di efficienza ed efficacia nel dare risposte adeguate ai bisogni dei cittadini.






ARTICOLI

Dalla “Social Street” al pianerottolo 2.0
In contesti in cui l’impoverimento delle relazioni sociali si combina alle difficoltà economiche del welfare, spesso le soluzioni ai problemi nascono dal basso. È ciò che accade ad esempio con l’esperienza delle “Social Street”, realtà dove le persone, sulla base dei principi di gratuità e inclusione, si m...

continua a leggere
Leggi

Quando il welfare è collaborativo
Per rispondere con nuovi servizi al bisogno di benessere e di socialità delle persone, una delle soluzioni contemporanee è il “welfare collaborativo”, chiamato così perché i servizi si basano sulla reciprocità. Il donatore e il ricevente sono entrambi parte attiva e contribuiscono a creare valore in termini di...

continua a leggere
Leggi

Civic brand e benessere della comunità
Si parla di “Civic Brand” per evidenziare la funzione civica esercitata dalle marche, mentre si definisce “Brand Activism” l’attitudine di alcuni brand a prendere posizione su temi politici, etici o sociali di rilevante attualità. Nella prima metà del 2020 alcuni brand, ad esempio, hanno dato voce e spazio ...

continua a leggere
Leggi