Ambiente

LESS IS MORE: L’APPROCCIO SOFIDEL APPLICATO ALLE TEMATICHE AMBIENTALI.

In campo ambientale, il principio Less is More che ispira tutte le attività del gruppo Sofidel trova la sua espressione naturale. Il processo di produzione della carta, infatti, è un’attività fortemente energivora che impatta su alcune delle risorse fondamentali del Pianeta: le foreste, l’atmosfera e l’acqua. Per questo il Gruppo è impegnato a ridurre i propri impatti ambientali attraverso strategie e tecnologie innovative, che consentono di limitare le emissioni di CO2, a rispettare la risorsa forestale attraverso l’applicazione di rigorose politiche di approvvigionamento e a utilizzare in modo più razionale la risorsa idrica.

WWF CLIMATE SAVERS: SOFIDEL E LA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI

Sofidel è la prima azienda italiana, e la prima a livello mondiale del comparto tissue, ad avere aderito, nel 2008, al programma internazionale del WWF Climate Savers, basato sulla definizione volontaria di consistenti piani di riduzione delle emissioni di anidride carbonica.
Grazie agli investimenti effettuati in fonti rinnovabili (energia solare, energia idroelettrica, combustione di biomasse), miglioramento dell’efficienza produttiva ed impianti di cogenerazione, fra il 2008 e il 2012 Sofidel ha ridotto le sue emissioni assolute dell'11%, mentre, fra il 2009 e il 2015, sono diminuite del 17,8% le emissioni specifiche rispetto alla quantità di carta prodotta (Carbon Intensity).
Sofidel è anche l'unica azienda italiana fra le non quotate in borsa a comparire nel CDP Italy Climate Change Report, che fornisce un sistema per misurare, divulgare, gestire e condividere informazioni sulle prestazioni ambientali delle aziende a centinaia di investitori istituzionali. Nel 2013, 2014 e 2015, il Gruppo ha ottenuto una valutazione superiore a quella media delle aziende partecipanti.

I NUOVI OBIETTIVI SOFIDEL - WWF CLIMATE SAVERS PER IL 2020

RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DIRETTE.
Entro il 2020, Sofidel si impegna a ridurre le emissioni dirette di gas serra per ogni tonnellata di carta prodotta del 23% rispetto all'anno 2009 - scelto come anno di riferimento per l'iniziativa. In termini di confronto, ciò corrisponde a evitare l’emissione di circa 900.000 t di CO2, pari alle emissioni di una flotta di 10.000 tir che percorrano 10.000 km all’anno per 10 anni. L'obiettivo di riduzione sarà raggiunto mediante un piano di investimenti volti all'incremento dell'efficienza energetica dei processi, alla produzione combinata di energia elettrica e vapore e all'utilizzo di energie rinnovabili. Tra gli investimenti più recenti già operativi o in fase di ultimazione: l’impianto a biomasse installato in Francia (Frouard) e tre impianti di cogenerazione di cui uno già operativo negli Stati Uniti (Haines City, Florida) e due di prossima installazione in Italia. Nei prossimi anni sarà inoltre implementata in tutti gli stabilimenti la certificazione energetica ISO 50001.

RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INDIRETTE.
Sofidel non si è limitata a analizzare le emissioni di gas serra generate direttamente dalle proprie attività, ma ha identificato anche opportunità di riduzione delle emissioni causate da soggetti terzi, lungo la propria value chain: entro il 2020, le emissioni di gas serra derivanti dalle attività di fornitura, packaging, trasporto di materia prima e trasporto del prodotto finale, verranno diminuite del 13% rispetto ai livelli del 2010, per ogni tonnellata di carta prodotta. L’obiettivo sarà raggiunto mediante il coinvolgimento dei principali fornitori e l’analisi accurata delle emissioni associate a materiali e servizi che saranno in futuro sostituiti o migliorati.

INCREMENTO DELLE FONTI RINNOVABILI.
A fronte di questo piano di investimenti, si prevede che la quantità di combustibili consumati annualmente, entro la fine del 2020, sarà coperta per l’8% da fonti rinnovabili, una quota significativa per un’azienda attiva in un settore altamente energivoro come quello cartario.

PER PRODURRE LA CARTA, SOFIDEL PROTEGGE LE FORESTE

Per produrre carta, Sofidel usa prevalentemente cellulosa vergine proveniente dagli alberi. Per poterlo fare è necessario fare in modo che la vita naturale delle foreste sia protetta dallo sfruttamento selvaggio e indiscriminato.
La consapevolezza del ruolo che le foreste ricoprono per la protezione dell'ambiente globale e il mantenimento e l'arricchimento della biodiversità, ha spinto il Gruppo Sofidel ad adottare una precisa politica degli acquisti di materia prima fibrosa, che si articola nei seguenti punti:

1. Sofidel condanna le pratiche di taglio illegale, la conversione di foreste naturali in piantagioni e si adopera affinché tutti i suoi fornitori dimostrino la provenienza di tutto il legname usato per la produzione della cellulosa;
2. Sofidel si adopera nella massima misura possibile a non acquistare materie prime provenienti da aree protette, o da aree in cui esistano conflitti sociali verificando l'esistenza di conflitti sociali;
3. Sofidel crede nei sistemi di gestione sostenibile delle foreste, certificati secondo standard riconosciuti e credibili, basati sulla verifica di enti terzi indipendenti;
4. Sofidel incoraggia i propri fornitori a certificare la fonte delle proprie risorse forestali e privilegia i fornitori in grado di esibire certificati di buona gestione forestale.

Operando con questi principi, Sofidel nel 2015 ha consolidato ulteriormente il proprio impegno per ridurre il rischio di approvvigionamento da fonti controverse o illegali. Nel 2015 la percentuale totale di fibra vergine certificata con schemi di catena di custodia forestale (FSC®, PEFC™ e SFI™) è stata pari al 99,97%. Nel 2014 la percentuale era del 99,7%.

UNA FORESTA CHE CRESCE PUÒ FARE MOLTO RUMORE

Non è sempre vero che una foresta che cresce faccia meno rumore di un albero che cade. Sofidel è convinta che la salvaguardia e il mantenimento delle foreste sia un impegno di cui valga sempre la pena parlare, per aumentare la consapevolezza che nessuna creazione di valore aziendale possa mai essere scollegata dall'azione responsabile nei confronti dell'ambiente in cui viviamo. Così, nel 2014 il Gruppo ha preso parte al CDP (Carbon Disclosure Project) Global Forest Report, riguardante il rischio connesso all'utilizzo della materia prima proveniente dalle foreste. Sofidel ha raggiunto un punteggio dell'89.7%, collocandosi ampiamente al di sopra della media del suo settore.

SOFIDEL PRESTA GRANDE ATTENZIONE ALL' UTILIZZO DELLA RISORSA IDRICA

La produzione della carta è un processo che prevede l'utilizzo di ingenti quantità di una delle risorse più preziose del nostro pianeta: l'acqua.
Consapevole del ruolo che la salvaguardia delle risorse idriche ha per garantire non solo la vita di tutti, ma anche l'attività economica, Sofidel ha messo in atto politiche di razionalizzazione del consumo dell'acqua e di riutilizzo delle acque reflue.
Dal 2012 è attivo uno specifico progetto per la riduzione dei consumi idrici che coinvolge tutti gli stabilimenti produttivi, con interventi prioritari nelle aree sensibili alla siccità, o soggette a importanti prelievi idrici per finalità produttive, agricole o di approvvigionamento di acqua potabile.
Gli investimenti in tecnologie e metodologie gestionali per la riduzione dei consumi diretti di acqua delle proprie attività, sia in aree sensibili (Italia, Spagna, Grecia), sia in aree con maggiore abbondanza idrica, hanno prodotto risultati significativi.
Nel 2015 il consumo medio specifico delle attività di Sofidel è stato di 7,3* litri di acqua per kg di carta prodotta (*benchmark del settore: 15-25 litri/kg). Nel 2014 era 7,8 l/kg.

I Partner e le campagne istituzionali di Sofidel per la sostenibilità ambientale

Le politiche di sostenibilità di Sofidel si esplicano anche attraverso un capillare lavoro di sensibilizzazione e informazione. Il perseguimento dell’obiettivo di uno sviluppo sostenibile comporta infatti anche lo sviluppo di sensibilità culturali e sociali che riguardano la mentalità delle persone e a questo fine Sofidel si impegna a più livelli.
Scopri le campagne istituzionali

Valori, scelte, risultati, obiettivi... nel bilancio integrato del gruppo cartario Sofidel, ogni stakeholder può valutare in prima persona il valore economico, sociale e ambientale del lavoro quotidiano di oltre 5.500 persone. Perché anche la trasparenza è una questione di sostenibilità.

Un anniversario non è solo l'occasione per ripercorrere con legittimo orgoglio la storia e i risultati ottenuti nel corso del tempo,  è anche una preziosa opportunità per riaffermare i nostri valori, fissare obiettivi nuovi e guardare con ottimismo e fiducia al futuro.

Sofidel crede che le imprese siano chiamate a svolgere una funzione fondamentale non solo in termini di produzione e distribuzione di beni e servizi, ma anche nel garantire vantaggi sociali e ambientali più ampi e duraturi lungo tutta la catena di creazione del valore. Per questo la sostenibilità è un elemento costitutivo e fondamentale dell'essere e dell'agire di Sofidel.