SOFT&GREEN Approfondimenti

Sky Academy, l’impegno di un grande gruppo

In questi anni in Italia si registrano alcune interessanti iniziative di media education: è il caso di Sky Academy – il progetto di sostenibilità della piattaforma a pagamento edita da Sky Italia – dedicato alle scuole primarie e secondarie, che mette a disposizione laboratori didattici per gli studenti dagli 8 ai 18 anni. Attraverso un’esperienza di apprendimento interattiva, l’azienda fornisce ai giovani coinvolti gli strumenti necessari per affrontare le notizie in modo più consapevole e critico.

Il progetto, iniziato nel 2016, ospita negli Sky Academy Studios due classi al giorno, coinvolgendole in un laboratorio media-educativo che permette agli studenti, grazie anche a strumentazioni tecnologiche semplici ma allo stesso tempo professionali, di mettere in atto il fact-checking per distinguere i fatti dalle opinioni e riconoscere le fake news.

Durante la visita alla Sky Academy, i ragazzi scoprono anche che per realizzare i programmi televisivi servono, tra gli altri, autori cameraman, produttori e registi. Sono tante, infatti, le figure professionali che ruotano attorno al mondo della televisione senza le quali non sarebbe possibile la messa in onda. Durante il laboratorio gli studenti sono chiamati a ricoprire ruoli diversi, in alcuni casi di “backstage”, per capire che la TV non è solo ciò che vediamo in video ma è frutto di un complesso lavoro collettivo che si svolge dietro le quinte.

PILLOLE DI SOFIDEL

L’esperienza Sofidel: tradurre il proprio ruolo sociale in una responsabilità educativa

Sofidel dedica da molti anni un’attenzione e un impegno costanti all’educazione e alla formazione delle nuove generazioni. Il Gruppo, infatti, è impegnato nell’aiutare studenti, docenti, dirigenti scolastici e rettori a realizzare una formazione innovativa, aperta, costruita sulle competenze e in grado di rappresentare un reale fattore di sviluppo per il settore cartario e per il territorio in cui opera. L’esperienza dell’alternanza scuola-lavoro ha assunto un particolare rilievo come metodo pedagogico e didattico e come occasione per la formazione integrale della persona. Tra le collaborazioni più significative figurano: la partecipazione, come fondatori, al Polo Tecnico Professionale per lo sviluppo della meccatronica nel comparto cartario; la partnership nella specializzazione in Tecnologia Cartaria dell’ITI Marchi/Forti di Pescia; nelle specializzazioni in Chimica Cartaria dell’ITI Ferrari di Borgo a Mozzano e dell’Istituto Benedetti di Porcari; negli indirizzi Cartari dei corsi di laurea in Ingegneria Chimica e Ingegneria Meccanica e Chimica Industriale a Pisa e quella nel Master Carta e Cartone dell’Università di Pisa.