SOFT&GREEN Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU

Quando la responsabilità sociale è di territorio



Anche se la definizione di responsabilità sociale di territorio è relativamente nuova, non è certo nuovo l’obiettivo che ogni comunità dovrebbe avere: migliorare la qualità della vita delle persone che la abitano considerando la dimensione ambientale e sociale ed economica.



Cosa vuol dire per un territorio essere responsabile?

Avviare oggi un percorso verso la responsabilità sociale di territorio significa prima di tutto interrogarsi sul futuro in un’ottica di sviluppo sostenibile, come ci ricorda l’Obiettivo 11 dell’Agenda 2030 (rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili). Un percorso che richiede la collaborazione di tutti.




Una questione di responsabilità.

Se per le imprese parole come efficienza, competitività, sostenibilità, innovazione fanno parte, nel bene e nel male, dell’orizzonte operativo quotidiano, è necessario che sempre più questo accada anche nel rapporto che gli enti pubblici hanno con i loro territori di riferimento. In altre parole, per rispondere alle sfide contemporanee occorre un approccio “multi-stakeholder” che veda l’impegno congiunto di governi, imprese, associazioni e cittadini. Per farlo è necessario sostituire alla logica dell’adempimento burocratico la logica del risultato e considerare i cittadini non utenti passivi ma clienti attivi che esprimono bisogni e aspettative e chiedono risposte di qualità.



L’individuo al centro.

Tutte le organizzazioni pubbliche e private sono fatte di persone: per questo è importante partire dalla responsabilità individuale. La parola responsabilità deriva dal verbo latino respondere che letteralmente significa rispondere. Essere responsabili significa rispondere delle nostre azioni e quindi agire valutando le conseguenze dei nostri comportamenti. Solo così la responsabilità diventa azione concreta.





ARTICOLI

L’aiuto che viene dai cittadini
In molte città italiane capita che le persone decidano di organizzarsi per migliorare il territorio dove vivono e lavorano. Una scelta che fino a qualche anno fa poteva creare problemi ai cittadini che volevano risistemare un giardino pubblico, imbiancare una scuola, organizzare un parco giochi.Quando il diritto d...

continua a leggere
Leggi

Kilometro verde, lavori in corso
L’autostrada A1 (Milano – Roma – Napoli) è stata uno dei grandi strumenti di sviluppo per l’economica italiana. Un fattore che, tuttavia, nel tempo, ha comportato anche qualche problema. Ad esempio ambientale. Come nel tratto padano dell’autostrada dove il 20% dell’inquinamento deriva da polveri sottili e ...

continua a leggere
Leggi

Un nuovo tipo di kilometro zero
Immaginiamo di essere in un ristorante e che ci venga proposto un menù a kilometro zero. Oltre al vantaggio di mangiare alimenti che hanno avuto un trasporto e uno stoccaggio presumibilmente più brevi, siamo anche convinti che ciò che ci sta sotto gli occhi sia più “controllabile”.Una relazione misurabile. ...

continua a leggere
Leggi

Sciare sui rifiuti? A Copenaghen diventa realtà
Un impianto per lo smaltimento rifiuti può diventare l’attrazione turistica di una città? A Copenaghen sembra proprio di sì. Il nuovo termovalorizzatore cittadino ospita infatti una pista da sci, una parete d’arrampicata artificiale di 27 metri, un ristorante e un bar circondato da alberi.Quando i rifiuti so...

continua a leggere
Leggi

Riqualificare il territorio: dalle periferie ai centri urbani
Il tema della rigenerazione urbana fino ad oggi ha riguardato principalmente le periferie delle grandi metropoli. Ma anche il centro delle città a volte ha la necessità di essere rivitalizzato. In questo senso molto interessante è l’esperienza di Bologna che già in passato si era distinta per un’attenta politic...

continua a leggere
Leggi