SOFT&GREEN Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU

La lezione di Greta



Giovani e futuro sono sinonimi. Il futuro, in primo luogo biologicamente, appartiene a loro. Da sempre. In un pianeta, però, meno ricco di risorse e dai problemi nuovi, questa relazione è diventata meno scontata. Il futuro, almeno come lo abbiamo conosciuto nella seconda parte del XX secolo – quando era ovvio che le nuove generazioni avessero una qualità della vita migliore delle precedenti (almeno in occidente, e per molti) – semplicemente non esiste più. Per i ragazzi attivarsi per il cambiamento è diventata oggi una priorità.



Una storia che insegna.

In questo senso una storia interessante è quella di Greta Thunberg, la ragazzina svedese di 15 anni che ha scelto di scioperare dalle lezioni e sedersi sotto il Parlamento per costringere i politici ad agire sul cambiamento climatico. Anche lei, come migliaia di suoi concittadini, ha visto questa estate bruciare in Svezia ettari di foreste: centinaia di alberi e terreni aridi trasformati in muri di fuoco anche a causa del riscaldamento globale.




Agire per cambiare.

Greta è stata capace di dare corpo alla sua protesta grazie al climate strike, lo sciopero per il climate change. La sua azione ha attirato l’attenzione non solo di altri giovani ma di un’ampia comunità consapevole dell’urgenza del problema. Greta ha poi fatto sentire la sua voce a COP24, la conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico che si è svolta a Katowice in Polonia.



Una lezione per i potenti.

La studentessa, che il Time ha inserito nella lista delle teenager più influenti al mondo nel 2018, ha impartito una lezione ai potenti del mondo. I giovani con la loro energia e la loro creatività saranno i veri agenti di cambiamento. Saranno loro a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile e a costruire un futuro migliore per l’uomo e l’ambiente.





ARTICOLI

La cultura, strumento di cambiamento
La cultura è l'unico bene dell'umanità che, diviso fra tutti, anziché diminuire diventa più grande. Questa celebre frase del filosofo tedesco Hans Georg Gadamer ci ricorda l'importanza di condividere il sapere e di offrire ai giovani maggiori opportunità di apprendimento. Un'educazione di qualità fornisce strum...

continua a leggere
Leggi

Lavorare per la sostenibilità
La testimonianza di Giovanni Francesco Martoccia, Sustainability Program Developer SGS ItaliaTutti dovrebbero considerare il lavoro come "vocazione" intesa come voglia di raggiungere obiettivi non per dovere, ma per passione. Per quanto utopico questo possa apparire ci sono testimonianze, come la mia, che smentisco...

continua a leggere
Leggi

Generazione Z, un nuovo inizio
Si fa presto a parlare di giovani. Una volta, forse, i giovani erano una categoria più omogenea quantomeno da quando negli anni '60 si affermarono i teenagers. La rapida mutazione delle tecnologie oggi segmenta i giovani in almeno due categorie: i Millennials (o generazione Y) e i Centennials (o generazione Z). Sono q...

continua a leggere
Leggi

Youth do it better
I giovani utilizzano il web molto più di qualunque altra generazione. È cosa nota. Questa caratteristica li rende parte di un "mondo virtuale" fatto di continue e molteplici interconnessioni. Una rete di relazioni digitali unica e in continua espansione. Rappresentano, di fatto, una "comunità allargata" capace di or...

continua a leggere
Leggi