Comunicati stampa

04 mag 2018 Comunicati stampa

Sofidel per la Giornata Mondiale per l’Igiene delle Mani 2018

Sofidel per la Giornata Mondiale per l’Igiene delle Mani 2018

Secondo una ricerca condotta in strutture ospedaliere di 3 Paesi, la presenza di batteri è tre volte inferiore nei bagni contenenti asciugamani in carta anziché a getto d’aria.


E’ anche importante seguire alcune regole di base per l’igiene delle mani:
Sofidel ne ha proposte 10 (+1).


Domani, 5 maggio, è la Giornata Mondiale per l’Igiene delle Mani, ricorrenza annuale promossa dal 2009 dall’Organizzazione Mondiale per la Sanità (OMS) per migliorare l’igiene quotidiana a livello globale: per l’occasione Sofidel, gruppo cartario con sede a Porcari (Lucca) leader nella produzione di carta per uso igienico e domestico, ribadisce l’importanza della prevenzione come strumento d’igiene, prevenzione che passa sia dallo strumento utilizzato per l’asciugatura delle mani sia dalla proposta di poche e semplici regole utili a vivere in serenità la nostra giornata.


Asciugamani in carta o a getto d’aria? Dal punto di vista igienico, la scelta vincente è la prima. Una opzione confermata e rafforzata anche dalla recente ricerca a cura del prof. Mark Wilcox, consulente e professore di microbiologia medica presso l’Università di Leeds (Regno Unito). La ricerca, diffusa da ETS (European Tissue Symposium) e condotta presso tre strutture ospedaliere in Francia, Italia e Regno Unito, è stata presentata all’European Congress of Clinical Microbiology and Infecoius Diseases (ECCMID), uno dei principali appuntamenti in materia di malattie infettive, di controllo delle infezioni e di microbiologia clinica, tenutosi a Madrid fra il 21 e il 24 aprile scorso.


In ogni struttura ospedaliera sono stati allestiti due bagni, ognuno con a disposizione un solo metodo di asciugatura delle mani, con l’obiettivo di misurare la prevalenza di contaminazione ambientale nei bagni degli ospedali associata ai metodi di asciugatura delle mani. Tra i batteri considerati dalla ricerca: Staphylocooccus Aureus, enterococchi, enterobatteri tra cui Escherichia coli e Klebsiella spp.


I risultati hanno mostrato differenze significative di contaminazione batterica: nei bagni dotati di dispositivi di asciugatura a getto d’aria sono stati raccolti più batteri, sia dal pavimento sia dagli stessi asciugatori, rispetto alle strutture dotate di asciugamani in carta.


Le 10 regole (+1) per vivere la nostra giornata all’insegna dell’igiene. Ma usare solo asciugamani in carta non basta per prevenire tutte le infezioni batteriche: è per questo che Sofidel promuove il decalogo “24 ore con le tue mani”, realizzato con la consulenza scientifica del prof. Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università degli Studi di Milano e Direttore Sanitario dell’IRCCS Galeazzi di Milano.


Si tratta di dieci regole (più una) curiose e a volte sorprendenti, per riflettere su quanto importante sia l’igiene nei vari momenti della nostra giornata e nei vari luoghi che attraversiamo durante le 24 ore.


Le nostre mani sono un ricettacolo di germi ha commentato il prof. Fabrizio Pregliasco. “Una percentuale di questi è rappresentata da microrganismi non patogeni, che risiedono normalmente sulla cute senza creare danni. A questi, però, possono aggiungersi virus e batteri che circolano nell’aria o con cui veniamo in contatto toccando le più diverse superfici. Come possiamo difenderci? Innanzitutto lavando bene le mani, poi prestando attenzione particolare ad alcuni oggetti – o luoghi – con cui veniamo in contatto durante la nostra giornata”.


Le mani sono infatti il nostro mezzo principale di contatto con il mondo e sono quindi quelle più esposte a germi di ogni genere. Alcuni sono innocui (ad esempio, la maggior parte di quelli che “incontriamo” sui mezzi pubblici), altri potenzialmente pericolosi (come quelli che portiamo in casa con scarpe e borse); alcuni li troviamo esattamente dove ce li aspettiamo (maniglie e rubinetti dei bagni pubblici), altri dove non penseremmo mai di trovarli (le nostre lenzuola). I batteri non risparmiano neanche PC, smartphone e telefoni fissi: basti pensare che, secondo una ricerca americana (Prof. Beamer e C.Gerba)*, su questi strumenti si annidano centinaia di batteri: su un mouse troviamo 260 batteri per cm2, su una tastiera 511 e sulla cornetta del telefono ben 3.895!  


La soluzione principale rimane comunque nell’undicesima regola: lavarsi le mani con acqua calda e sapone, per 40/60 secondi, strofinando bene e dappertutto, asciugando poi con un asciugamano di carta monouso. Questa semplice pratica consente di eliminare il 99% dei batteri.


La promozione della cultura della salute è da sempre uno degli obiettivi di Sofidel, da una parte con la realizzazione di prodotti dalle elevate caratteristiche igienico-sanitarie, e dall’altra con la promozione di stili di vita sani e di buone pratiche di igiene presso i propri lavoratori, i consumatori e gli stakeholder in generale.



Scarica il comunicato in PDF